“Ardecuore” Trattoria Contemporanea

Luogo: Fasano (Italia)

Interior designer: Simona Mattia

Architetto: Marco De Ruosi

Foto: Elena Potenza

In collaborazione con: Forel srl

Articoli: C984C665

L’edificio storico di fine ‘800 si trova nel cuore della Valle d’Itria, nel centro storico di Fasano, e ospita al piano terra tre locali comunicanti tra loro ma indipendenti, prima adibiti ad altra attività commerciale. Tre amici, uniti dalla stessa ardente passione per il campo della ristorazione e per la loro amata terra, decidono di investire in un progetto in cui credono fortemente, unendo le loro competenze maturate negli anni di esperienza in Italia e all’estero. Una trattoria contemporanea che mira ad offrire un’esperienza emozionale, attraverso l’atmosfera, informale ma attenta ai dettagli, e una cucina tradizionale che rievoca attraverso i profumi i pranzi della domenica a casa dell’amata nonna.

Il progetto di rinnovo ha modificato la distribuzione originale aprendo gli spazi alla luce, stravolto i percorsi, cambiato le percezioni sempre con grande attenzione a conservare gli elementi tipici architettonici. In fase di demolizione sia i muri divisori che una parete in cartongesso sono stati eliminati al fine di ottenere uno spazio aperto, pronto per essere ridisegnato in funzione della nuova attività. Un nuovo volume è stato costruito per ospitare i servizi igienici e garantire il rispetto delle norme vigenti. I nuovi spazi, ora più fluidi e funzionali, garantiscono una continuità visiva tra gli ambienti, caratteristica fondamentale per la lettura dell’intero progetto. La cucina, separata da una vetrata, si apre sulla sala e sull’alcova aumentando la percezione dello spazio oltre che a creare suggestivi riflessi.

Magazine

Novembre 26, 2020

Come illuminare l'angolo relax con le lampade moderne Ferroluce

leggi l’articolo

Novembre 3, 2020

Cantina vintage: come illuminarla in modo strategico con le lampade Ferroluce

leggi l’articolo

Novembre 3, 2020

Lampadari colorati: design e colori i trend del momento

leggi l’articolo