INDEX

FACEBOOK
INSTAGRAM
PINTEREST

COLLEZIONI

RICHIEDI CATALOGHI

Maggio 7, 2024

Come scegliere l’illuminazione giusta per ogni stanza: consigli di design

Come scegliere l'illuminazione giusta per ogni stanza

Ogni ambiente di casa ha delle proprie esigenze sia per quanto riguarda la funzionalità ma anche la progettazione degli interni, quindi design, stile ed estetica. L’illuminazione ha un ruolo fondamentale nel disegnare gli spazi, non solo definendoli, ma anche rendendoli più pratici, confortevoli e interessanti. Come scegliere l’illuminazione giusta per ogni stanza? Te lo spieghiamo nella nostra guida.

Come scegliere l’illuminazione giusta

Trovare l’illuminazione giusta non è semplice, ma non impossibile. Dobbiamo innanzitutto partire dai nostri ambienti, analizzarli per capire che tipo di lampade possono essere adatte in ogni circostanza. La nostra casa è grande o piccola? Quante stanze ci sono? Che stile d’arredo abbiamo scelto? Quale sono le attività che svolgiamo in casa?

Per esempio spazi grandi avranno bisogno di un sistema illuminotecnico più articolato rispetto a uno spazio compatto. Tutti gli ambienti però vanno illuminati in modo strategico, tenendo presente il layout della stanza, e quindi anche grandezza, progettazione e funzionalità. Le lampade di design giuste ci garantiranno non solo ambienti ben illuminati, ma anche definiti e confortevoli.

Illuminazione a strati

Cosa vuol dire illuminazione a strati? Significa illuminare gli ambienti di casa utilizzando diverse lampade con differenti tipologie d’illuminazione. Questo perché in un ambiente, soprattutto se grande, non basta un’unica tipologia di luce. Il risultato sarebbe piatto e artificioso. Lo scopo di un’illuminazione a strati è quello di creare un gioco di luci e ombre in modo da ravvivare gli ambienti rendendo la stanza accogliente, confortevole e anche più interessante. Inoltre un sistema su più livelli d’illuminazione ci aiuta a definire anche un certo tipo d’atmosfera, e cioè se vogliamo creare un ambiente più “cozy” o stimolante.

Luce fredda o luce calda in casa

In base alle attività da svolgere in un certo ambiente, possiamo scegliere anche la temperatura della luce, e quindi se preferire luce calda o luce fredda in casa. Qual è la differenza? La luce calda è rasserenante, dà subito un senso di accoglienza negli ambienti che va a illuminare. Viene infatti consigliata in ambienti in cui si vuole favorire il relax, come la zona notte, ma anche per dare un maggior senso di accoglienza e calore, quindi sono perfette anche in soggiorno. Le luci fredde, al contrario, sono energizzanti e stimolanti, e infatti le consigliamo in ambienti dove si svolgono attività che richiedono maggiore concentrazione.

Anche nel caso della scelta della temperatura della luce, è possibile combinare diverse fonti luminose così da creare un sistema d’illuminazione completo e che risponda a diverse esigenze laddove in un ambiente si svolgono più attività.

La scelta del colore della luce va fatta però tenendo presente non solo il tipo di attività da svolgere in una stanza, ma anche in base allo stile d’arredo scelto.

Stile d’arredamento: come scegliere le lampade

Lo stile d’arredo della nostra casa ci aiuta non solo a scegliere la temperatura delle luci, ma anche e soprattutto il design delle lampade. Abbiamo infatti diverse soluzioni in base allo stile e all’ambiente in cui verranno installate le lampade.

Lo stile classico preferisce lampade dai dettagli ricercati come decori dipinti a mano, colori intensi, materiali ricercati. In un ambiente moderno invece punteremo su lampade dal design essenziale, colori vivaci per interni pop e contemporanei, colori chiari per ambenti minimali, tonalità scure e dall’effetto materico per stili urban e industrial.

Come illuminare gli ambienti

La scelta degli ambienti da illuminare ci aiuterà a definire il numero di lampade, il tipo d’illuminazione e come abbinare tra loro le diverse soluzioni luminose, nonché il design e quindi stile, colore e materiali delle lampade.

Prima di vedere come scegliere le lampade ambiente per ambiente, cerchiamo di capire insieme le diverse tipologie d’illuminazione. In sostanza abbiamo tre tipologie di luce:

  • luce diretta
  • luce indiretta
  • luce diffusa.

La luce diretta si ottiene grazie a lampade che diffondono un raggio luminoso diretto e che quindi possiamo direzionare verso un gruppo di arredi, un oggetto o un’area specifica dell’ambiente. La luce indiretta si ottiene quando la luce di una lampada viene diffusa contro una parete illuminando l’area circostante, oppure viene riflessa su un elemento riflettente. La luce diffusa si ha quando il raggio luminoso della lampada viene filtrato da uno schermo.

Capito queste differenze, possiamo scegliere il tipo d’illuminazione:

  • luce generale (si ottiene con fonti di luce indiretta e serve a illuminare tutto l’ambiente allo stesso modo);
  • illuminazione da lavoro (tipo d’illuminazione funzionale che prevede un fascio di luce diretto);
  • luce puntuale (illuminazione diretta per mettere in risalto oggetti o un certo spazio);
  • illuminazione d’atmosfera (luce diffusa per creare ambienti rilassanti).

In un ambiente possono esserci tutte queste luci o possiamo sceglierne qualcuna, ma mai una sola perché altrimenti l’ambiente risulterebbe piatto e poco funzionale.

E adesso vediamo come scegliere l’illuminazione giusta in ogni ambiente della casa.

Come scegliere l’illuminazione in ogni ambiente della casa?

Ogni spazio della casa deve essere illuminato in un certo modo rispettando sia la progettazione di un ambiente che la funzionalità degli spazi. Abbiamo visto che è importante conoscere bene l’ambiente da illuminare, come è fatto, quanto è grande e le attività che andremo a svolgere.

Analizziamo insieme stanza per stanza tutte le necessità e gli elementi da considerare per la scelta delle lampade giuste.

Come scegliere l’illuminazione per la cucina

Ambiente molto pratico, la cucina è uno degli spazi più vissuti della casa. Qui l’illuminazione deve essere prima di tutto funzionale per facilitare le attività come la preparazione del cibo e la cottura, ma anche confortevole per illuminare in modo accogliente durante cene e pranzi. Abbiamo bisogno di diverse fonti luminose, necessaria è una luce omogenea che possiamo ottenere con una lampada da soffitto o una lampada a sospensione.

Aggiungeremo poi delle luci di supporto, come lampade da parete per un’illuminazione diretta. Non dimenticare di illuminare in modo adeguato l’angolo cottura, puoi aggiungere degli ulteriori punti luce sotto un pensile da cucina per un’illuminazione concentrata.

Lampada a sospensione: luce omogenea in cucina

L’ispirazione per il design di queste lampade a sospensione sono le fabbriche e le navi. I dettagli in metallo effetto corten e le diverse colorazioni vintage accentuano l’originalità della lampada. La luce è omogenea e illumina tutto l’ambiente. Perfetta da collocare su un’isola o penisola da cucina.

La lampada fa parte della linea Industrial.

Lampada da parete illuminazione diretta

Quando l’abilità artigianale e la creatività riescono a sorprendere. Le lampade dai decori floreali della linea Napoli sono caratterizzate da elementi che riproducono i passanastri dei tipici lavori all’uncinetto e che le rendono personalizzabili in base agli arredi.

Questa piccola lampada da parete è un prezioso accessorio decor da avere per arredare con gusto una cucina in stile shabby chic.

Come scegliere l’illuminazione per la camera da letto

In camera da letto, e più in generale nella zona notte, l’illuminazione deve essere confortevole e accogliente. Vengono spesso consigliate luci rilassanti, alternando lampade con un’illuminazione diffusa e diretta.

Una lampada di design a soffitto per illuminare in modo uniforme l’ambiente, una piccola abat-jour sui comodini ai lati del letto per una luce diffusa o, al suo posto, possiamo optare per altre due soluzioni: una lampada compatta con luce diretta o una lampada da parete.

Lampade design ufficio classico

Lampada da soffitto colorata design déco

Con le sue superfici mosse e gli intagli verticali che si ripetono lungo tutto il suo perimetro, il diffusore di Madame Grès ci ricorda più un capo d’abbigliamento plissettato o una confezione tessile morbida e mossa piuttosto che un elemento rigido e statico.

Le sue superfici, decorate da una finitura a ingobbio opaco che ne ingentilisce ancor più le forme rendendole tenui e setose, si aprono attorno alla sorgente luminosa, generando un ampio fascio di luce che illumina in modo consistente gli ambienti circostanti.

 

 

Lampada da tavolo design classico

Il vetro sabbiato sfumato dona alle lampade della linea Siena una delicata leggerezza che compensa la ricchezza delle lavorazioni artigianali delle rose in ceramica e dei rami frondosi in metallo. Per illuminare gli ambienti punteggiandoli con la forza rigogliosa della natura.

Come scegliere l’illuminazione per il soggiorno

In soggiorno abbiamo diverse soluzioni luminose da provare. Possiamo optare per delle lampade di design colorate, minimali o con decori, la scelta del design dipenderà dalla funzionalità che si ricerca, quindi il tipo d’illuminazione, e lo stile dell’ambiente.

Una lampada a sospensione è una soluzione moderna ed elegante, perfetta per arredare un living contemporaneo. La luce illumina in modo uniforme gli spazi ravvivando ogni angolo. Per un salotto dall’arredo tradizionale invece, puoi optare per un lampadario a bracci.

A lampade con luce diffusa abbina sempre 2/3 lampade con illuminazione diretta. La scelta delle soluzioni luminose dipende sempre dalla grandezza dell’ambiente. Le opzioni da abbinare sono:

  • lampada a sospensione + lampada a parete/lampada da terra
  • lampada a soffitto + lampada a parete/lampada da terra
  • faretti + lampada a parete/lampada da terra.

Se hai ricreato un angolo per lo smart working, puoi anche scegliere una lampada da tavolo per illuminare il piano di lavoro.

Lampada a sospensione design contemporaneo

Lampada a sospensione della linea Pau, elegante e dai colori sobri. Disegna gli ambienti con il suo design di volumi sovrapposti, la sorgente luminosa emerge dal corpo creando una luce diffusa e piena.

Lampada da parete stile vintage

La  lampada 50s dalle linee minimal ispirate allo stile dell’America degli anni ‘50, è realizzata con effetto anticato all’interno.

Grazie alla doppia apertura, permette la diffusione della luce anche verso l’alto.

Eleganza delle forme e dei colori, un passato che si proietta nel futuro caratterizzando con la luce ambientazioni ricche di charme.

Come scegliere l’illuminazione per il bagno

Il bagno è un ambiente funzionale che ha ridefinito la sua estetica soprattutto negli ultimi anni, a partire dalla funzionalità fino alla scelta di colori, materiali e finiture.

Ricerchiamo bagni sempre più accoglienti, curati, in cui ogni dettaglio farà la differenza, per un’esperienza di comfort estrema. Anche l’illuminazione è cambiata, da prettamente pratica è diventata d’ambiente, definisce gli spazi decorandoli. Sceglieremo lampade con luce indiretta e lampade compatte e col fascio luminoso diretto optando per applique da parete.

Le soluzioni da provare sono:

  • lampada da soffitto + applique
  • faretti + applique.

Lampada da parete con luce direzionabile

Luce direzionabile, ceramica con finiture vintage in perfetta armonia con il metallo ossidato regalano alla lampada da parete della linea Loft eleganza e originalità.

Lampada da soffitto elegante e versatile

L’armonia di un rassicurante passato ritorna nei materiali che compongono una linea dalle forme semplici ed essenziali. Il metallo e i decori dipinti a mano sulla ceramica sottolineano la maestria del lavoro manuale degli artigiani. La personalizzazione di ogni elemento rende la linea Asti ancor più originale.

Vuoi altri consigli su come scegliere l’illuminazione giusta per ogni stanza? Non perdere le nostre prossime guide!